La salute è un gioco da ragazzi

Le STD (Sexually Transmitted Diseases) sono da sempre un argomento delicato e soprattutto difficile da spiegare agli adolescenti, benché siano sempre più frequentemente i diretti interessati.
Gonorrea, sifilide, Papilloma virus, Clamidia, Herpes genitale (per nominarne solo alcune delle più frequenti) hanno un’incidenza superiore ai 200 milioni di casi all’anno a livello globale, seppure siano presenti quasi in tutti i territori le strutture idonee per la diagnosi e la cura di gran parte di queste.
Proprio un gruppo di adolescenti è stato premiato in Inghilterra per l’invenzione del preservativo che cambia a colore entrando in contatto con alcuni patogeni sessuali: il preservativo diventa infatti verde in presenza di clamidia, viola con il papilloma virus, blu con la sifilide e giallo con l’herpes. Il prototipo non ancora in commercio si chiama S.T.EYE, ed incoraggerebbe un intervento tempestivo da parte dell’interessato, probabilmente evitando operazioni invasive.
In alcuni casi, però, un intervento tempestivo non è sufficiente per scongiurare gli effetti di un’infezione sessuale, come nel caso dell’HIV. Nonostante gli sforzi della ricerca biomedica, ad oggi non esiste una cura definitiva per eliminare l’HIV dal corpo umano, anche se passi da gigante siano stati fatti in termini di cure palliative che permettono una prolungamento ed un aumento della qualità della vita delle persone affette.
In questi casi l’unica vera arma efficace è, come da saggio proverbio, la prevenzione. Quale migliore veicolo di informazione, allora, per i nostri teenager se on un videogioco? HIV Infogame è infatti il primo videogame italiano sull’HIV, ideato da Janssen (farmaceutica del gruppo Johnson & Johnson) e supportato da SIMIT e Uniti Contro l’Aids per affrontare il tema in maniera dettagliata ma leggera, con semplicità e dando informazioni sull’infezione e su come prevenirla nella vita di tutti i giorni.
In pratica, il gioco educativo prevede l’interazione da parte dell’utente con due avatar e i personaggi che li circondano, con quiz e animazioni. In base al numero di risposte corrette viene assegnato un nastro, simbolo della lotta all’AIDS: nastro di bronzo, d’argento o d’oro.
La grafica è minimal e le missioni possono sembrare scontate, ma ognuna di esse fornisce informazioni preziose e risposte a domande che probabilmente gli adolescenti non avrebbero il coraggio di chiedere. A fianco delle spiegazioni, soprattutto, sono a disposizione contatti, un servizio per trovare il centro di riferimento più vicino, numeri utili gratuiti per consigli e consulti su come prevenire l’infezione.
È già possibile giocare al link www.hivinfogame.it, disponibile anche nella versione mobile e tablet. Buon divertimento.Web

Articolo Sponsorizzato

Antonio De Palma è l'uomo di casa su Lovvy.it. Come tutti gli uomini che si rispettino, è lui a portare i pantaloni e ad aver deciso di gestire la rubrica "Tempo Libero" . Ora deve scappare, altrimenti se viene beccato dalle donne a bivaccare, se la vede brutta.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *